Sleep regression: cosa sono?

Da poco tempo sono venuta a conoscenza di questa teoria, e devo dire che anche se non posso confermare che per le mie due figlie sia stato davvero così, almeno in alcune cose mi ritrovo! Ho tradotto liberamente e aggiustato questo articolo inglese che altre mamme mi hanno fatto conoscere: http://naturalfamilytoday.com/parenting/sleep-regressions-what-they-are-and-what-to-do/

Molti bambini passano periodicamente delle fasi in cui fanno dei passi indietro relativamente al sonno. Cosa significa? Ad esempio, dal dormire 8 ore con soli due risvegli, passano a svegliarsi anche ogni ora, per diverse notti. Durante questi periodi, i bambini possono essere particolarmente esigenti e bisognosi di contatto durante il giorno, mandare all’aria tutte le loro abitudini e svegliarsi prima del solito. Queste fasi sono normali e sì, passeranno! Però mentre ci siete dentro, queste poche settimane possono essere molto dure.

Vediamo il significato di queste fasi, e soprattutto come possiamo affrontarle al meglio.

Crescendo, i piccoli imparano molte cose che diventano pietre miliari del loro sviluppo (ad esempio, stare seduti, rotolare, camminare, parlare…), ripetono queste azioni molte e molte volte, per assimilarle, e ciò accade anche durante il sonno. Ci sono bimbi che quando imparano a stare seduti, si mettono in questa posizione molte volte anche mentre dormono! Le regressioni del sonno fanno spesso parte di questo processo di apprendimento di abilità.

Ci sono delle età tipiche per le regressioni:

– 4 mesi: quando i cicli del sonno del bambino iniziano ad assimilarsi a quelli degli adulti. La regressione dura tipicamente 2-3 settimane

– 9 mesi: quando il bambino impara a rotolare e gattonare. La regressione può durare 4-6 settimane, con molti risvegli notturni in cui il bimbo piange. Per molti genitori, questa è la regressione più lunga e più dura

– 12/13 mesi: regressione caratterizzata dal rifiuto del riposino, e difficoltà di addormentamento. Può variare da pochi giorni a settimane, i bimbi a volte rifiutano il riposino pomeridiano e sono nervosi alla sera

– 18 mesi: i bambini iniziano a padroneggiare il linguaggio e nuove abilità motorie, e il sonno può essere ancora disturbato. Di nuovo potrebbe rifiutare il riposino pomeridiano e essere molto esigenti durante il giorno

– 24 mesi: i piccoli di questa età cercano di combattere contro il sonno, e possono provare molte tattiche per evitare di andare a dormire. Questo può voler dire stare svegli di notte e impiegare ore per riaddormentarsi…

Cosa si può fare? Prima di tutto, essere informati e preparati, sapendo cosa ci potrebbe aspettare, può fare la differenza. Si possono avere in mente strategie da mettere in atto quando arriva il momento giusto. Se non dormite già insieme al vostro bambino, potrebbe essere necessario portare nel lettone con voi il vostro piccolo, per ridurre la fatica di quei periodi. Cercate di rimanere fedeli alle vostre abitudini e ai riti per quanto possibile, specialmente intorno all’ora della nanna. Potrebbe essere necessario aggiustare i tempi della nanna, cercate di essere flessibili ai cambiamenti che potrebbe richiedere questo periodo. Se riuscite, potreste cercare di aumentare i riposini diurni del vostro bambino, sia di frequenza che di durata, per cercare di farlo riposare il più possibile, quando di notte non riposa bene.

Siate pazienti e cercare di aumentare la dose di coccole nei giorni in cui il vostro piccolo è nervoso e esigente… e soprattutto, ricordate che queste sono fasi, che passeranno, questo è fondamentale!

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Allattamento, Essere genitori Taggato con: , , , , , , ,
76 commenti su “Sleep regression: cosa sono?
  1. Finalmente un po’ di corretta informazione… inoltre tutto questo corrisponde a scatti di crescita nel ridurre le fasi REM per arrivare infatti ai tre anni di vita in cui in genere i bambini non si svegliano più la notte…

  2. mammamanager ha detto:

    mi sa che noi le abbiamo passate tutte…per un motivo o per l’altro (tra questi anche ogni singolo dentino) mia figlia si svegliava di notte di continuo….fino ai 3 anni!

  3. Lucia ha detto:

    Grazie Alessandra!

  4. Silvia ha detto:

    Il mio piccolo è a cavallo tra la fase dei 9 e quella dei 12 mesi, sgambetta da pochi giorni e si riempie di nuovi versi e paroline, le notti sono diventate tremende, me lo ritrovo che gattona o vuole alzarsi a occhi chiusi, certe notti fa cosi ogni tre quarti d’ora a partire però da un preciso orario, tra le 2.15 e le 2.30, come un orologio svizzero. Addormentarlo è un’impresa, sia per i riposini che per la nanna, a volte si dimena nel sonno e si dispera quasi, qualche amica mi ha parlato del pavor ma non so se si tratti di questo.

  5. Lucia ha detto:

    Io credo che il pavor nocturnus si abbia dopo questa età, il tuo piccolo è ancora troppo piccolo secondo me… Più probabile che sia una di queste regressioni, o anche fastidio per i denti, tanti dicono che non può essere ma secondo la mia esperienza incide anche questo fattore… La risposta è sempre una sola: pazienza! Passerà, davvero!

  6. Serena ha detto:

    Non so, io i bambini che conosco son tutti diversi, e definire così precisamente periodi di regressione mi pare un po’ campato in aria. Come i famosi scatti di crescita che in fondo non esistono affatto, perchè se si vanno a gaurdare i pesi dei bambini non crescono a scatti, ma più o meno regolarmente.
    La maggior parte dei bambini a 4-6 mesi dormono decentemente, un paio di risvegli possono essere la normalità ma non si tratta di certo di stare svegli le ore di notte.
    Io sinceramente l’unica regressione nel sonno l’ho notata dopo i vaccini (che ho fatto dopo l’anno) e sento tante mamme che accusano cambiamenti del sonno dopo vaccini, o malattie virali, ma non certo tutte allo stesso periodo. Mi sembra che ultimamente si cerchi di convincere le madri che la normalità sia il bimbo che non dorme, quando poi nella realtà non è affatto così. Che poi i risvegli siano fisiologici, nel senso che non sono necessariamente patologici son d’accordissimo, ma dire che sono la normalità…mah..basta chiedere in giro e si vede che chi ha bimbi che non hanno dormito una notte intera fino a 3 anni sono la rarità e le madri stesse la vivono più o meno come una sfortuna a cui rassegnarsi. Io tra le mie figlie e i miei nipoti (in tutto 13 bambini) solo 1 ha avuto un sonno disturbato fino a 3 anni.

    • Lucia ha detto:

      Sono d’accordo, i bambini son tutti diversi, anche a me non piace molto quando si generalizza, e mi pare di averlo anche scritto, ma in questo caso credo che sia utile sapere che le fasi in cui i bambini si svegliano più frequentemente CIS ONO, e hanno dei motivi… Poi che non succeda a tutti, e che non succeda a tutti nello stesso identico momento, su questo siamo d’accordo 🙂
      Credo che ci sia anche da differenziare tra bambini allattati al seno e non, quello incide, i bimbi a cui ti riferisci tu sono allattati? Io comunque non ho scritto che a 4-6 mesi si sta svegli le ore SEMPRE, ma ci sono nottate così, che magari si ripetono più notti di seguito… A te non è mai capitato?
      Gi scatti di crescita esistono, non tanto per l’aumento di peso a scatti, quanto per l’aumento di fabbisogno, per cui i bimbi ciucciano più spesso per aumentare il latte che poppano… Non ti è mai accaduto neanche questo?
      Dopo i vaccini ci possono essere disturbi, e secondo me non vanno sottovalutati, e se ci fossero disturbi legati ai vaccini cercherei di valutare bene prima di continuare il ciclo vaccinale, ma qui andiamo fuori tema 🙂 Comunque secondo la tua esperienza non è vero che è normale che i bimbi non dormano, secondo la mia e quella di tante altre mamme è così… Ma non direi che i bimbi non dormono, non l’ho mai detto né scritto, è più corretto dire che è normale che si sveglino diverse volte. Questo non lo diciamo io o le mie amiche, ma pediatri e esperti, e io come altre mamme lo abbiamo constatato. Quello che non vorrei è che passasse invece il messaggio che è Anormale un bimbo che si sveglia diverse volte, cosa che mi sembra molto più pericolosa! Se dorme senza svegliarsi… Tanto meglio! Ma dire a una mamma che i bimbi a 3 mesi dormono tutta la notte, quando nella maggior parte dei casi non è così, mi sembra fuorviante, poi si vanno a cercare metodi per farli dormire e questo sì che è pericoloso… È proprio questione di punti di vista. Il sonno dei bimbi non è disturbato se fino a 3 anni si svegliano, ma sono il normale sviluppo.

  7. Sonia ha detto:

    Scrivo un po’ in ritardo… Cmq io ho un bimbo che ha appena compiuto 4 mesi e sono un paio di settimane che è completamente cambiato… Da 5/6/7 ore di sonno filato siamo tornati a risvegli ogni 3 a volte anche prima…. La notte è anche più agitato e di giorno fa fatica ad addormentarsi (cosa che prima faceva anche da solo) e si sveglia spesso! È se non bastasse vuole stare tanto in braccio e se lo metri giù piange come un disperato! Mi consola sapere che è una fase… Perché sono abbastanza stanca… Quando pensavo di aver raggiunto una routine decente é andato tutto all’aria e mi ritrovo con un piccolo marziano 🙂

    • Lucia ha detto:

      Ciao Sonia. Mi pare che il tuo bimbo rientri proprio nella descrizione della sleep regressione dei 4 mesi, spero che presto torni a ritmi meno faticosi, ma volevo solo sottolineare che il bisogno di stare in braccio forse non cesserà, nel senso che è proprio un bisogno dei piccoli, quindi forse ti farebbe comodo, se già non ne hai una, prendere una fascia portabebè e indossarla anche in quei momenti in cui ha bisogno di te ma tu devi fare qualcosa in casa… La stanchezza c’è, le fasi passano ma essere mamma è sempre molto impegnativo! Periodo di calma e poi… via di nuovo! 🙂

  8. Maria ha detto:

    Allatto felicemente la mia bimba di 22 mesi. Leila non ha mai fatto una notte intera di sonno ma si è sempre svegliata dalle due alle cinque volte per notte. È qualche settimana che ho notato che si addormenta attorno alle 21 in pochissimo tempo ma i risvegli sono aumentati (anche ogni ora ) e inconsolabili se non con un pochino di lattucc io. Leggere questo articolo mi ha rincuorata.

    • Lucia ha detto:

      Maria, mi fa piacere che questo articolo ti abbia rincuorata! Ci sono bimbi che dormono da subito diverse ore per notte, altri che non fanno tre ore di seguito fino oltre i due anni… E le infinite vie di mezzo! Le mie hanno sempre avuto diversi risvegli, nei periodi peggiori più di 5 sicuramente! Ma poi passa, e ora posso dire che, anche senza intervenire, ad un certo punto iniziano a dormire tutta la notte! Ora la mia piccola, che ha 3 anni e 4 mesi, da diversi mesi si addormenta alla sera verso le 22 e fa un risveglio intorno alle 5-6 di mattina, a volte neanche, a volte due o tre sempre dopo le 5! E direi che così è una pacchia! Vedrai che anche la tua inizierà a dormire quando sarà pronta 🙂

  9. paola ha detto:

    Finalmente! Mi piace cercare informazioni sul web, spunti per comprendere cosa vive mio figlio e mi imbatto in articoli di”esperti” che trovo un insulto alla natura umana. Finalmente un articolo su cui dibattere, che non colpevolizza genitori che, come me, portano figli nel letto e cercano di comprendere ed assecondare i loro bisogni.
    È un periodo difficile per me: 15 mesi, addormentamento difficile, risvegli con pianti…mi chiedo se è il mio latte che non lo soddisfa più (gravidanza, riduzione e cambio sapore), se è così e basta, se posso fare qualcosa ecc…

    • Lucia ha detto:

      Grazie Paola! Purtroppo spesso gli “esperti” che si dicono tali si basano su teorie vecchie e che non tengono conto della vera natura del bambino, della sua fisiologia, dei suoi bisogni. Dormire coi propri figli è naturale e lo si fa in tutto il mondo, quindi per quello posso rassicurarti! Forse hai anche letto un altro articolo che ho scritto qualche tempo fa, sulle contraddizioni tra natura e cultura per quanto riguarda il cosleeping… Per il periodo difficile che state passando, posso dirti che appunto è un periodo, che può essere dovuto a tabte diverse cose: una sleep regression appunto, una fase di crescita in cui normalmente i progressi sono accompagnati da paure, la nuova gravidanza, la diminuzione del latte (a che settimana sei?)… Ora ti rispondo di là, visto che hai scritto maggiori dettagli!

  10. paola ha detto:

    Di nuovo ciao Lucia.
    Ti riscrivo a distanza di tempo, a tre settimane dal parto del secondo posso dire con grande gioia che ce l’abbiamo fatta…abbiamo trovato dei piccoli compromessi ma non ho smesso di allattare il primogenito.
    È stata dura, il dolore in alcuni momenti, le pressioni del mondo esterno (pare così assurdo allattare un bimbo di 18 mesi perché ritenuto grande….figuriamoci se di mezzo c’è anche un pancione…) stanchezza…
    Ho sentito di dover introdurre dei limiti, non ce l’avrei fatta altrimenti! Non allatto più la notte se non quando mi rendo conto che è necessario e gestisco i risvegli tra coccole danze e succo di mela.
    Sono però consapevole che mio figlio non ha scelto, bensì si è adattato..purtroppo anche con qualche lacrima.
    Chissà se il ritorno di latte dolce e abbondante ci può restituire la possibilità di soddisfare eventuali bisogni in sospeso…(bisogno di rassicurazione più mio che suo???)
    Sempre bello leggere e rileggere ituoi aarticoli.
    Alla prossima

    • Lucia ha detto:

      Cara Paola, che piacere avere tue notizie! Spero che il parto sia andato bene 🙂 Complimenti per la tenacia, a volte allattare in gravidanza non è facile, tra fastidi vari e sensibilità al seno, poi appunto come dici tu le pressioni del mondo esterno non aiutano… Ma sei riuscita a mantenere questa cosa così importante per il tuo piccolo, di cui sicuramente ha un gran bisogno! Anche io avevo introdotto dei limiti, altrimenti non sarei riuscita a gestire il tutto, senza alcun aiuto.
      Sono sicura che con la grande abbondanza di latte del post parto il tuo piccolo sarà in parte ricompensato, capisco la tua amarezza perché anche io ci sono passata, a volte i nostri limiti pesano sui nostri piccoli, ma l’allattamento è una danza a due e a volte non tutto va come si sarebbe voluto. E’ comunque importantissimo quello che stai facendo per lui, io penso sempre meglio un limite in più e poter continuare che senza limiti e poi si scoppia e si smette del tutto! No? In ogni caso le difficoltà legate alla gelosia ci sono sempre e comunque, prima o poi, quindi non è detto che senza allattare sarebbe andata meglio, anzi! E sono sicura che presto troverete un nuovo equilibrio! Tanti auguri!

  11. paola ha detto:

    A dire il vero non ho ancora partorito, ho il termine il 6 dicembre! Ma ho dato per scontato di non mollare proprio all’ultimo 🙂
    Non so se è il termine che si avvicina ma in questi ultimi giorni sono più tollerante rispetto al fastidio fisico e meno spaventata dall’idea di non essere in grado di soddisfare le esigenze dei due piccoli!
    Sfortunatamente non potrò partorire a casa come vorrei ma sono comunque gioiosa di aver trovato una sala cicogna per il parto dolce in un piccolo ospedale vicino a casa! Un mini appartamento molto accogliente,dove poter scegliere se partorire in acqua, sulla palla, su altalena, con musica candele ed olii essenziali.
    Niente dottori ma solo ostetriche, ma soprattutto la possibilità di rimanere tutti uniti anche a dormire qualora decidessimo di non fare dimissioni dopo le 2 ore! Parlo di questo parto con grande fiducia nella Natura, visualizzando un parto fisiologico e naturale come il primo!
    Mi sento accolta nelle mie esigenze di donna ma anche di madre che deve pensare ad un cucciolo di soli 19 mesi!
    Scusa il papiro, ma ho voglia di condividere la mia esperienza, soprattutto dopo che ieri mi sono confrontata con un paio di mamme in ludoteca, ci siamo raccontate le difficoltà di allattamento e mi sono resa conto che ancora tante donne rinunciano o nemmeno ci provano, perché non sono correttamente informate o sostenute…e ci soffrono!

  12. Lucia ha detto:

    Ah scusa avevo capito che avevi già partorito! Allora un enorme in bocca al lupo! Da quello che scrivi mi sembra che tu ti sia organizzata benissimo, e che ci siano tutte le premesse perché avvenga un bellissimo parto. Ti auguro davvero che possa andare così. Ed è bellissimo che garantiscano la possibilità di dormire tutti insieme lì in ospedale, anche col primogenito. Ma eventualmente potrebbe anche assistere al parto?
    Certo che non mollerai adesso, specialmente se in questo periodo ti senti più tollerante! E sì, hai ragione, leggo tutti i giorni nel gruppo FB di sostegno all’allattamento, e sento le mamme del mio gruppo di sostegno del sabato, le informazioni non arrivano o arrivano distorte, e quindi tante non ce la fanno, anche quelle che lo vorrebbero davvero. Speriamo che un passo alla volta le cose possano cambiare!

  13. paola ha detto:

    Le ostetriche si sono dimostrate molto competenti e preparate nella gestione di travaglio/parto/altri figli…e anche su allattamento in tandem!
    Mi hanno consigliato di decidere al momento se farlo assistere, in base all’orario, al mio stato psicofisico…al suo. Ti saprò dire! Tu cosa ne pensi?
    Io credo che il parto faccia parte degli eventi naturali, come il dolore, ma forse 19 mesi sono troppo pochi per viverla cosi? O forse privo di preconcetti la vivrebbe bene?
    Si è innamorato della vasca e sicuramente si farà un bagno anche lui!
    sarà presente il nostro super papà, colonna portante insostituibile e questo mi rassicura molto perché so che il piccolo è in mani fantastiche!
    L’aspetto più bello di questa sala cicogna è che è accessibile a tutte le donne con gravidanza fisiologica, senza costi economici aggiuntivi. Ci godiamo questa possibilità!

    • Lucia ha detto:

      Bene, anzi ottimo! Posso cheiderti in quale ospedale si può trovare questa sala cicogna? E’ molto interessante! Io credo che le ostetriche ti abbiano dato la giusta risposta, dipende da tante cose, vedrai sul momento. Io comunque cercherei di preparare un minimo il piccolo, perché se alla fine assistesse saprebbe cosa sta per succedere. Io credo chei bimbi così piccoli, ancora vicini all’esperienza della nascita, siano più pronti di quanto pensiamo, invece crescendo si fanno strada altre componenti che possono rendere più complicata la questione. Però vedere la mamma in difficoltà, che vocalizza, può turbarli se non sanno che è normale, quindi o prima o sul momento, se sarà il caso, sono sicura che saprete rasserenarlo come ha bisogno.

  14. paola ha detto:

    https://m.flickr.com/#/photos/ninilla/5370052326/
    Ti segnalo questo link perché ci sono alcune foto.
    L’Ospedale di cui ti parlo si trova a Cittiglio, in provincia di Varese.
    Grazie per i preziosi suggerimenti e la vicinanza che mi trasmetti!
    …seguiranno aggiornamenti! 🙂

  15. francesca ha detto:

    Salve, ho una bambina di 24 mesi e sono due settimane che ha deciso di non fare più il risposino pomeridiano, e di non dormire più la notte si sveglia di continuo mi chiama spesso come se avesse l’ansia da abbandono premetto va all’asilo la mattina e il pomeriggio sto sempre con lei e con mio marito, ma la cosa che mi stupisce che da quando è nata non ha mai avuto problemi del sonno, infatti mi ha spiazzato e non so che devo fare sono preoccupata.

    • Lucia ha detto:

      Ciao Francesca, scusa se rispondo solo ora! Mi dispiace per la tua preoccupazione, immagino che non avendo mai avuto alcun problema col dormire sia “strano” trovarsi a passare notti difficili dopo due anni, ma come avrai letto il sonno spezzato e con tanti risvegli è assolutamente fisiologico fino ai 3 anni circa, quindi su questo posso rassicurarti, non devi preoccuparti. Probabilmente, oltre ad una possibile sleep regression (a 24 mesi ci siamo, la mia bimba andava a dormire oltre la mezzanotte, anche se provavo prima non c’era verso! E naturalmente si svegliava diverse volte) forse il distacco dell’asilo le fa desiderare di ristabilire un contatto notturno con te. Non so se sia questo il caso, non so da quanto va all’asilo e come si trova, ma è un’ipotesi. Cercate di recuperare al pomeriggio!

  16. Valentina ha detto:

    ciao a tutte
    sono valentina e ho una bambina di 22 mesi. premetto che da quando ha un mese ha dormito sempre tutta la notte eccetto degli episodi legati a malattie o dentini. è da 3 settimane che si sveglia nel cuore della notte con la scusa di bere, poi ha difficoltà a riaddormentarsi. premetto che sia io che mio marito lavoriamo tutto il giorno, lei sta al nido fino alle 17.30 e che per stanchezza abbiamo deciso di metterla nel lettone (dormiva nella sua cameretta e nel lettino da quando aveva 3 mesi.) ora penso che questo nostro cedimento abbia compromesso tutti gli sforzi fatti. ieri notte in particolare piangeva e voleva che le tenessi la mano anche se eravamo una accanto all’altra. sicuramente soffre tanto per la nostra assenza. ho provato a spiegarle che sarei rimasta vicino a lei nel lettino ma niente. cosa potrei fare?

    • Lucia ha detto:

      CiaoValentina, credo che la tua bimba abbia molto bisogno di contatto, della vostra presenza, di stare con voi. Secondo me avete fatto benissimo a metterla nel lettone, così forse lei dorme più tranquilla e anche voi! Se già sai che soffre per la vostra assenza, saprai anche che i piccoli recuperano di notte, o almeno provano, quello che manca loro di giorno. Quindi assecondare le sue esigenze è la strada migliore!

  17. Marta ha detto:

    Ciao!
    Ho letto con piacere il tuo articolo, consigliatomi da un’amica…ho un bimbo di 4 mesi che non ha mai fatto piu di 4 ore di file di notte..diciamo una media di tre…ma comunque mo ero abiuata ai suo spuntino notturni. Il problema ė che ultimamente ha imparato a girarsi sulla pancia da solo e a strisciare in avanti e da quel momento ha iniziato a svegliarsi ogni ora di notte, ha il sonno agitatissimo e si gira e rigira nel letto rimanendo a volte anche incastrato in strane posizioni…per farlo stare tranquillo spesso lo metto nel lettone ma a volte non basta! Ma sono felice di leggere che sia solo una fase transitoria…solo che mi chiedo cosa fará nella fase dei nove mesi: si mettera a correre nel sonno e dovro rincorrerlo per casa? 😀

    • Lucia ha detto:

      Ciao Marta, purtroppo a parte la battuta può capitare davvero che si mettano a gattonare e che vogliano scendere! Ma non sempre accade, non si può prevedere, magari si accontenterà di svegliarsi molto spesso 😛 Sono felice che ti sia stato utile il mio articolo, vedrai che la fase passerà… Almeno fino alla prossima!! 😉

  18. Luisa ha detto:

    Ciao, ho trovato interessante questo articolo sulle sleep regression. Non so se il mio bimbo ne sta vivendo una. Ettore ha iniziato a dormire tutta la notte a 3 mesi e mezzo, dorme in camera nostra nel suo lettino. È sempre stato un bambino che dormiva e che ha bisogno di sonno, di solito dorme dalle 22 alle 7.30/8 e fa 2 riposini (uno la mattina e uno nel primo pomeriggio entrambi di almeno 1 ora). A circa 9 mesi ha iniziato ad avere risvegli risvegli notturni, circa 2 volte a notte, mi bastava cullarlo per 15 minuti e poi ridirmiva nel suo lettino. Poi ha ripreso a svegliarsi una sola volta o anche nessuna( per fortuna). Ora ha quasi 1 anno ed è un pó di notti che verso le 4 si sveglia lo prendo in collo e per metterlo giù mi ci son volute anche 2 ore! In collo dorme ma appena lo appoggio si agita! Poi crolla anche per più di 2 ore nel riposino mattutino. Cosa sta succedendo?

    • Lucia ha detto:

      Luisa, perdono, non ti avevo risposto! Come sta andando ora? Direi che forse ha saltato la prima sleep regression, ma le altre le sta facendo! Quella dei 9 mesi, quella dei 12 mesi… E’ lo scombussolamento dovuto a qualche nuova scoperta, non ti preoccupare! Spero che la situazione sia già rientrata e che abbia ripreso a dormire come sempre! Fammi sapere!

      • Luisa ha detto:

        Ciao, ormai abbiamo raggiunto e superato l’anno, purtroppo i risvegli notturni continuano! Ho paura che devo solo avere pazienza!

        • Lucia ha detto:

          Credo anche io, ma come avrai letto i risvegli sono assolutamente fisiologici. Lo allatti tu?

          • Luisa ha detto:

            Lui ha rifiutato il seno a 5 mesi! Abbiamo sempre fatto allattamento misto, sono riuscita con molta perseveranza ad arrivare a 5 mesi! Non lo soddisfacevo più: lui è sempre stato un mangione! Ma da quando ha 4 mesi fa 4 pasti: colazione (8.00 ca) pranzo (12.30/13.00) merenda (17.00) e cena (20.00).

  19. Lucia ha detto:

    Se hai sempre fatto allattamento misto sei stata bravissima ad arrivare a 5 mesi! Spesso i bambini che prendono anche il biberon, o che lo conoscono prima del seno, ad un certo punto rifiutano il seno, purtroppo, perché abituati al biberon. Non è perché non lo soddisfaceva più il tuo latte, ma perché le interferenze sono state pesanti e hanno impedito che il vostro rapporto di latte continuasse. In ogni caso, 4 pasti a 4 mesi sono veramente troppo pochi, i poppanti così piccoli dovrebbero essere alimentati molto più spesso!

    • Luisa ha detto:

      In realtà è sempre cresciuto molto con 4 pasti: è ben più grande della norma! Comunque continua a svegliarsi la notte, ogni tanto mi concede una notte intera! Spero questa fase si concluda presto!

      • Lucia ha detto:

        Non è solo questione di crescita, il suo stomaco a pochi mesi (ma anche dopo) è fatto per mangiare poco e spesso, non è la stessa cosa mangiare la stessa quantità di latte in 4 o 8 pasti, è come se noi facessimo indigestione mangiando tutto quello che ci serve in un giorno solo in uno o due pasti.
        Per le notti, forse gradirebbe un po’ di latte?

  20. Luisa ha detto:

    Non ho provato con il latte. Posso fare un tentativo. Per i 4 pasti ho sempre seguito le esigenze del bimbo: ha diminuito i pasti da solo. È sempre stato tranquillo e sereno!

  21. silvia ha detto:

    Ciao.lucia il tuo articolo mi ha rincuorata molto sono esausta allatto da 15 mesi il mio bimbo che non prende nessun tipo d latte se non il mio da 8 mesi ha lasciato latte artificiale biberon e non ha mai preso ciuccio sono diverse notti che si sveglia e non riesce più a riaddormentarsi dopo due ore di coccole passeggiarlo seno……crolla o come stamattina sveglio dalle 7:30 cammina da 10 giorni sta pure mettendo altri dentini xje noto che ha prurito ed è molto nervoso….mi sento malissimo xke l aktra notte stremata gli ho detto bastaaaaaa e lui è scoppiato a piangere amore mio da allora mi sono armata di.pasienza ….piango io ma non lo rimprovero più si sveglia di continuo almeno 4 5 volte si siede e mi chiama mamma mamma spero passi questa fase

    • Lucia ha detto:

      Silvia, mi dispiace, mi ero persa il tuo messaggio! Come sta andando ora? Certi periodi sono davvero faticosi e si avrebbe voglia di scappare o di buttare tutto all’aria, ma di solito quando sembra di toccare il fondo i le cose migliorano! Almeno, per me era così. Sicuramente lo sviluppo a salti dei bambini, come nel parto, un passo avanti è uno indietro, li porta ad avere queste regressioni, ci vuole molta pazienza!

  22. Silvia ha detto:

    Ciao Lucia, sono Silvia, avevo scritto un messaggio ormai un buon due anni fà. Volevo farti sapere che ora il bimbo è tornato ad avere molta più regolarità nel sonno, non ne vuol sapere di nanne pomeridiane perché lo vedo troppo preso dai giochi, ma la notte è ormai da inizio anno che è migliorata parecchio, ha anche il suo letto, però a una certa ora verso mattina arriva nel lettone, chiede biscotti e acqua e poi riparte. Il sonno comunque è non dico agitato ma ricco di parole, risate o espressioni di paura, a seconda credo dei sogni che fà. Questo per dire che davvero serve tempo e pazienza, grazie ancora!

    • Lucia ha detto:

      Ciao Silvia! Anche le mie bimbe hanno iniziato a dormire molto di più dopo i 2 anni, chi prima chi dopo, per chi legge può essere consolante e incoraggiante sapere che prima o poi arriva il momento di dormire, per fortuna! Ti ringrazio davvero molto per averci scritto, mi piace sapere come vanno avanti le mamme che scrivono qui sopra. Quanto ha ora?

      • Silvia ha detto:

        3 anni appena fatti. E’ ancora indietro col parlare e di togliere il pannolino ancora non ne vuol sapere. Almeno la notte però va meglio 🙂

  23. silvia ha detto:

    CIAO LUCIA! E INSOMMA A FASI VA MEGLIO NOTTI IN CUI DORME SEMPRE CON I SUOI DUE TRE RISVEGLI XKE VUOLE IL SENO MA DORME SUBITO E NOTTI COME QUELLA D STANOTTE DOVE SI ADDORMENTA ALLE 9 DI SERA E ALLE 2 I SVEGLIA E VUOLE GIOCARE E CI RIMETTO UN ORA ANCHE UN ORA EMMEZZO PER RIADDORMENTARLO CAMMINANDO SU E GIù PER IL CORRIDOIO BACINI COCCOLE ….COME DICI TU E COME LEGGO QUI SONO FASI CREDO INFATTI DA QUANDO HA COMPIUTO 15 MESI NON DORME PIù IL POMERIGGIO MA SI ADDORMENTA PRESTO LA SERA DOPO IL BAGNETTO E LA PAPPA SPERO CHE UN GIORNO DORMA TUTTA LA NOTTE SOGNO QUESTA COSA….PERCHè SONO STANCHISSIMA

  24. silvia ha detto:

    Ciao lucia! Grazie per le risposte ….stavo leggendo i commenti di altre mamme in cui una dice che suo figlio fa 4 pasti al giorno anche il mio che fra 10 giorni compie 16 mesi fa 4 pasti al giorno mattina yogurt ( nn prende nessun tipo d latte solo il mio del seno) poi pranzo pasta e um vasetto di frutta poi d pomeriggio merenda al latte sempre yogurt e infine cena più un altro vasetto di frutta e poi prima dormire sempre il seno ho provato a dargli vari tipi d latte ma lo rifiuta da quando aveva 8 mesi ….fa come se gli viene da vomitare il mio latte al seno non credo sia più tantissimo cm prima ma cmq c è forse gli basta

    • Lucia ha detto:

      Se non vuole altro latte va bene così! Se prende il tuo è a posto, ma se offri più spesso non vuole? Qualche poppata in più non farebbe male 😉

  25. silvia ha detto:

    Ciao lucia rieccomi;) il seno lo do ogni volt che me lo chiede:-) volevo dirti che i bambini fanno dei cambiamenti incredibili ….ora Pietro a 15 mesi ha smesso di dormire il pomeriggio fra pochi giorni fa 16 mesi…….niente gioca balla ride corre ho provato ….ma niente non ha sonno proprio! Fino a 14 mesi dormiva un sonnellino il mattino di pome si faceva anche più di due ore ….e ora invece non vuole farlo più. …io ascolto tt i suoi bisogni….mi sembra assurdo forzarlo ….in compenso la sera già alle 20:30 massimo 21:00 già dorme!!!! Mi chiedo….è una fase pure questa? …

    • Lucia ha detto:

      Sì io chiedevo se lo prende se tu OFFRI, perché L’allattamento a volte è anche a offerta, non solo a richiesta 😉 Può essere una fase, come hai letto in questo articolo, solo il tempo te lo dirà! Tieni conto che dormire solo la notte quando sono piccoli è davvero poco, i bimbi dormono di giorno almeno fino a 2 anni, e ci sono bimbi che dormono ancora anche a 5 anni! Tu continua a seguire lui, capirai se vuole tornare a dormire il pomeriggio! O se è stanco, nervoso, magari è il caso di riprovare… Buona continuazione!

  26. Luisa ha detto:

    Ciao, mi stavo domandando anche io come comportarmi con i riposini diurni. Ettore ormai ha quasi 14 mesi e oltre la notte fa un riposino la mattina e uno il pomeriggio. Ma da una decina di giorni sono più brevi: mi domando se sia il caso di togliergli quello della mattina e vedere se dorme di più ma solo io pomeriggio! Avete esperienze e/o suggerimenti in merito?

    • Lucia ha detto:

      Le mie a 14 mesi già non dormivano più al mattino, ma solo al pomeriggio. Prova a vedere che succede se non gli proponi di dormire al mattino, magari dormirà prima al pomeriggio, e un pochino di più!

  27. silvia ha detto:

    Ciao lucia!!!! Si si se lo offro lo.prende sempre! 🙂 per lui è tutto il seno di mamma:-) oggi ha dormito.un ora e più. ..di mattina fino a mezzogiorno e poi di pome niente giocare giocare giocare alle 20:00 è crollato…

  28. Luisa ha detto:

    Però se tolgo il riposino mattitino dovrò cambiargli tutti gli orari dei pasti e anticipare il pranzo? Voi quando li fate mangiare? Ora gli faccio fare pranzo verso le 12.30/13, merenda alle 17.00 e cena alle 20.00

    • Lucia ha detto:

      Tu quando mangi? Il pasto è un momento da condividere insieme, poi se ogni tanto dorme quando voi mangiate non succede nulla, ma io non fisserei orari, fatti guidare da lui!

  29. silvia ha detto:

    Ciao Luisa! Io pure volevo sostituire il riposino della mattina cn quello del pomeriggio dopo pranzo ma capita raramente perché lui di mattina si stanca nel mezzo della giornata e me lo fa capire quindi non potrei mai portarlo a pranzo in questo stato anche xke una tragedia piange si strofina gli occhietti….invece si fa un riposino di un ora circa più o meno. ..e poi è sereno e pranza tranquillo anche io come gli do apoena sveglio uno yougurt visto che latte ne biberon nn li vuole poi 12 12:30 pranzo di pome una merenda al latte e poi lui mangia pure biscottini mottini…..:) e alle 7:30 massmo 8:00 cena e poi seno e crolla

  30. Luisa ha detto:

    Si infatti anche lui poi arriverebbe a pranzo stanco! La sera va a letto alle 22 circa, a volte un pó prima a volte un pelino più tardi! Ho anche paura ad anticipare i pasti al fatto che mi precluderebbe qualunque pranzo o cena fuori perché poretto dal sonno crollerebbe!

    • Lucia ha detto:

      I pranzi o cene fuori si fanno comunque, basta avere una fascia dove addormentare, e poi un posto dove appoggiare se dorme! La comodità di allattare è anche quella, non rimane mai senza mangiare! 😉

  31. Luisa ha detto:

    Per i pasti noi mangiamo subito dopo lui, tutti insieme e lui prende un pó del nostro cibo!
    Per la fascia non ce lo porto: è troppo grosso! 🙁 quando siamo fuori ormai è troppo attratto da tutto e non si addormenta più! Quando era più piccolo era molto più semplice, dormiva ovunque!

    • Lucia ha detto:

      Quanto ha tuo figlio Luisa? Perché non mangiate tutti insieme? Sarebbe molto più bello per tuo figlio, il pasto è un momento da condividere, così come lo stesso cibo! Per la fascia, ce ne sono anche per portare bimbi grandicelli, anche marsupi ergonomici. E se in giro non dorme, vuol dire che non ha sonno 😉 Se sta sveglio forse va bene così!

  32. Luisa ha detto:

    Lui ha quasi 14 mesi, ancora lo imbocco, ma mangia anche da solo con noi!alla fine mangiamo insieme! Per la fascia o marsupio è proprio che non ce la fa la mia schiena a portarlo!

    • Lucia ha detto:

      Lascialo fare da solo, con o senza posate, vedrai che è più piacevole per tutti mangiare insieme! Ma hai provato a portare sulla schiena con un supporto adeguato?

  33. Tiziana ha detto:

    Buongiorno, sono Tiziana, mamma di una meravigliosa bimba di 5 mesi e mezzo. Da 3 notti purtroppo sta avendo un sonno molto disturbato: fa scatti in continuazione, si sveglia piangendo, la ritrovo nel suo lettino girata di 180°. Prima tirava tutta notte anche fino alle 7.30 di mattina.. dalle 21.30 della sera precedente (le do l’ultima poppata di artificiale alle 23.30 mentre dorme!).. che sta succedendo? Non mi importa x il mio sonno interrotto. .solo per la cucciola! Ho letto delle sleep regressions ma i 4 mesi lei li ha passati da un pó…chissà di che si tratta!?

    • Lucia ha detto:

      Ciao Tiziana, credo che non si debba essere così rigidi, per qualche bimbo saranno i 4 mesi esatti, per altri un pochino dopo! Quindi direi che ci può stare, anche perché le regressioni sono legate a nuove abilità che imparano i bambini, e a 5 mesi e mezzo forse si sta preparando per stare seduta da sola, e per altri cambiamenti… Alla tua bimba non succede nulla di che, ovviamente se non si tratta di questioni mediche. Ma se durante il giorno non ha dolori ed è tranquilla credo che tu possa stare serena. Il pianto può anche essere dovuto a fastidio per eventuali dentini in arrivo! Di notte c’è il picco di ormone della crescita e i piccolini sentono più fastidio che di giorno…

  34. Stefania ha detto:

    Ciao Lucia,
    Mi sono imbattuta nel tuo articolo perché sono molto in pensiero per il mio bambino di 11 mesi.
    Lo ho allattato in modo esclusivo per 3 mesi e misto fino al quarto, poi purtroppo ho dovuto interrompere per una mia malattia e non avrei potuto fare altrimenti.
    Da quando siamo passati all’artificiale mio figlio è cambiato!!! Prima mangiava poco, cresceva il giusto ma tendente al poco ma dormiva tantissimo e bene.
    Poi è diventato un mangione e ha smesso di dormire! Cresce bene finalmente ma non dorme più bene, ha un sonno davvero disturbato.
    All’inizio in il latte artificiale mangiava ogni 3 ore come da piccolissimo e per me era strano perché col seno non si svegliava più la notte.
    Poi siamo passati alle pappe eppure lui il latte notturno lo ha sempre voluto, una o due volte.
    Ora vorrei toglierlo o quanto meno ridurlo e allora glielo do solo una volta, ma lui si sveglia almeno 3… Ciuccio, coccole, niente funziona, solo il latte o il lettone 🙁
    Però anche la pediatra dice che a questa età non dovrebbe avere fame la notte.
    A me non sembra fame, ma più bisogno di latte come coccola non so spiegarmi.
    Cosa gli manca povero piccolo? Di cosa ha bisogno?
    Mi fa tanta tenerezza perché si dispera proprio

    • Lucia ha detto:

      Ciao Stefania, benvenuta! Mi spiace per il vostro allattamento durato così poco, ma ricorda sempre che quei 3-4 mesi sono stati un dono importantissimo per tuo figlio. Spero che i problemi di salute ora siano superati. Come avrai letto dall’articolo, le regressioni ci sono e indipendentemente dal tipo di alimentazione del bambino, il periodo in cui ha iniziato a prendere solo LA coincide proprio con la prima regressione. Forse era leggermente strano prima che non si svegliava di notte per nulla, ma molti bimbi inziano a svegliarsi molto dopo i 3-4 mesi, quindi non ti devi preoccupare. Io credo che sia del tutto normale che continui a svegliarsi, i risvegli sono fisiologici fino ai 3 anni di età, e forse il tuo bimbo ha bisogno di un pochino di latte per riaddormentarsi. 3 volte sono un numero normale di risvegli, potresti provare a dargli meno latte ma tutte le volte, e la pediatra non può sapere cosa succede nella pancia del tuo piccolo 😉 Io mi fiderei di lui, se non ha disturbi o problemi di crescita (se non è troppo “grasso”, problema che ci può essere con il latte artificiale) dagli quello che chiede, ma se hai l’impressione che abbia più bisogno di coccole puoi provare in altro modo, sicuramente il lettone aiuta a dormire meglio, se non altro tu che non ti devi alzare! Probabilmente non gli manca nulla, ma ha bisogno di stare vicino alla sua mamma come tutti i cuccioli di mammifero, tutto qui! Cerca di non farlo arrivare alla disperazione, rispondi subito al pianto, imparerà che la sua mamma c’è e che arriva sempre, che è prevedibile, e questo lo porterà ad avere maggiore fiducia in se stesso. Fammi sapere come va! Un abbraccio a te e al tuo piccolo!

  35. Laura ha detto:

    Cara Lucia,
    ti ringrazio per le informazioni che hai scritto in questo articolo, per me sono una salvezza.
    Ma nonostante queste utili testimonianze sulle sleeping regression non riesco ad affrontare questo LUNGO periodo difficile con la mia piccola di 22 mesi.
    L’ho allattata e continuo ad allattarla esclusivamente dalla nascita, dormendo da sempre nel lettone. Momenti di felicitá ed appagamento reciproco ma per me (e per tutta la nostra famiglia composta da papá, che lavora di pomeriggio e rientra a mezzanotte, e sorellona di tredici anni che spesso si addormenta con me e la piccola visto che il papá non c’é ed ha bisogno del “calore della mamma”) spesso tanti momenti di stress, spossatezza e pianti…
    Da molti giorni a questa parte, la piccola predilige un sonnellino lungo di due ore circa il pomeriggio (sempre e solo a casa, non ha mai dormito sul passeggino e raramente nella fascia che cerco a volte di riproporre ma che entrambe sentiamo essere un pó scomoda) per poi andare a letto la sera tardissimo dalle 23 fino a volte anche all’una.
    Cerca il seno spessissimo, é una bimba molto energica e ostinata, a volte quando non voglio darle in seno mi tira e mi strattona la maglietta, mi spoglia letteralmente e questo avviene anche quando siamo fuori casa, tra gli occhi della gente… Puoi immaginare.
    Mio marito non ha mai avuto niente in contrario all’allattamento, ma dal momento che ció sembra compromettere la nostra tranquillitá pensa che divrei trivare una soluzione,mdiminuire o smettere, ma per la piccola il seno é molto importante,mho paura che soffra.
    Mi trovo tra l’incudine e il martello, se le cose non vanno come lei vuole inizia ad urlare, si butta a terra sbattendo la testa all’indietro… É il suo modo irruento per protestare, ma quando piange sveglia tutto il vicinato!
    Io sono davvero allo stremo delle forze, non dormo, non riusciamo a stabilire delle routine, a volte per la stanchezza non riesco a mandare avanti la famiglia… Cosa fare?
    P.S. Non lavoro ancora, per tenere la piccola con noi fino a tre anni circa. Quindi lei non va al nido e non sta con i nonni che vivono in un’altra cittá.
    Ti ringrazio per leggere il mio sfogo e spero di non averti annoiata troppo…
    Un abbraccio!

  36. Sara ha detto:

    Illuminante!!! cerco da 10 mesi e mezzo la risposta… ed eccoci qua! la mia terza bimba, nervosetta, a differenza degli altri è un imprevedibile risveglio ogni notte, a periodi più e a periodi meno… è la più “avanti” nell”apprendimento e nei movimenti, è disturbata di giorno dai frarellini, e di notte mi fa disperare… mi sono gettata più volte nello sconforto dalla stanchezza… ma ho imparato a prenderla con filosofia… approfitto di ogni momento per recuperare la stanchezza, certa che prima o dopo dormira’…

    • Lucia ha detto:

      Sì può essere per le regressioni, ma poi ovviamente ogni bimbo è diverso, forse la tua terza è anche molto più precoce degli altri!

  37. Lucia ha detto:

    Cara Laura,mi fa piacere che l’articolo ti sia stato utile, ma mi dispiace sentire che non è un periodo facile. Non mi annoi affatto, figurati! Sai, credo che stare a casa coi bimbi sia un lavoro molto molto faticoso, e non c’è mai tregua… A volte la fatica è tanta, troppa, ci vorrebbe un momento per staccare e riprendersi un pochino… I vostri weekend come sono? Riuscite ad avere un po’ di più il papà? Se lavora il pomeriggio forse la mattina è a casa? Ti aiuta un pochino?
    Per quanto riguarda il dormire, credo che per i risvegli ci sia poco da fare, ci sono e sono normali fino a 3 anni, a volte sono di più a volte sono di meno… E credo che sia assolutamente normale che la piccola dorma un paio di ore al pomeriggio, come fanno tutti i bimbi della sua età. C’è una cosa che puoi fare per evitare che abbia sonno così tardi la sera, e cioè svegliarla un’ora o un’ora e mezzo prima al mattino… Magari il sonnellino si sposterà verso fine mattina o a cavallo del pranzo, ma se anticipi tutto dovresti riuscire nel giro di qualche giorno a ristabilire nuovi orari. Sarà faticoso i primi giorni, ma poi avrete degli orari più “umani”… Prova e fammi sapere!
    Invece per quanto riguarda il poppare, ci sono bimbi più volitivi e altri più tranquilli, ma più o meno posso dirti che a quell’età è molto difficile che sappiano avere molta pazienza o tollerare di aspettare… Non ha neanche 2 anni è ancora molto piccola. Però, nella mia esperienza, so che qualcosa si può fare. Ad esempio, cercare di distrarla e anticipare le sue richieste, o dirle che fuori non si poppa più (inteso proprio per strada), visto anche che arriva il freddo… Dare un limite se per te questo è un problema. Puoi provarci anche in casa, ma temo che sia più difficile, sei a disposizione… mentre invece che ne so se uscite per fare la spesa, le dici ora no perché stiamo facendo la spesa, ti allatto appena siamo a casa. Ovvio non sarà felice, ma se davvero snti l’esigenza di rallentare lei si adeguerà. Credo che piuttosto che smettere, se il problema è che ti spoglia o cose simili e a te dà fastidio essere guardata, può essere un compromesso accettabile. Smettere del tutto probabilmente è prematuro, non sarebbe facilmente gestibile una bimba a cui viene negato del tutto il seno quando ne ha ancora molto bisogno. Ma non mi piace neanche pensare che le mamme siano “prigioniere” dell’allattamento pensando che non abbiano alcuna voce in capitolo. L’allattamento è una relazione, ci sono due persone importanti allo stesso modo, quindi se ci sono problemi si deve fare qualcosa, e si può. Io credo che tu possa mettere dei limiti, e in questo modo vivrai meglio la continuazione del vostro rapporto di allattamento. Comunque è già bellissimo che siate arrivate a 22 mesi!
    Cosa ne pensi Laura?

  38. daniela ha detto:

    Ciao lucia,ho provato un forte sollievo leggendo il tuo articolo.sono mamma di Davide,24 mesi e da tempo ben abituati a delle notti riposanti.da qualche settimana invece mi sembra di essere tornata indietro nel tempo: Risvegli e ricerca di coccole la notte. Spero passi veloce questo periodo! Grazie!

    • Lucia ha detto:

      Ciao Daniela, sono felice di averti dato un pochino di sollievo! A volte sapere che cosa abbiamo di fronte aiuta già molto, anche se la fatica rimane quella… E anche ricordo bene la sleep regression dei 24 mesi della mia seconda bimba, veramente faticosa! Vedrai che piano piano passerà! Un abbraccio

      • daniela ha detto:

        Grazie!! La cosa che più mi affatica sai qual è? La convinzione di mio marito che assecondare le richieste di Davide non sia altro viziarlo. Quanta pazienza! Un bacio Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*