Negozi di usato e gruppi di scambio

In molte città esistono negozi di usato per bambini, dove si possono trovare molti articoli (abbigliamento, puericultura, giocattoli…) che sono stati usati e che vengono poi dati ai negozi in modo che possano essere rivenduti. Di solito, se sono usati, gli articoli vengono venduti a metà prezzo rispetto al nuovo, a volte ad un prezzo superiore alla metà se sono paticamente nuovi. In ogni caso, è molto conveniente comprare in questi negozi, le cose sono tenute molto bene e i vestiti per i piccoli, che crescono così in fretta, sono davvero quasi come nuovi.

Si possono anche vendere cose che non usiamo più, in modo che il riciclo possa aiutare altri genitori (se il negozio venderà gli oggetti che gli abbiamo affidato, avremo diritto alla metà del prezzo a cui è stato venduto l’oggetto) . Ma non è solo questo: credo che sia importante anche la mentalità che sta dietro a tutto ciò: perché devo spendere molti più soldi per comprare un oggetto nuovo, quando posso trovarlo quasi altrettanto nuovo, ad un prezzo molto più basso, evitando anche gli scarti di una nuova produzione, l’inquinamento aggiuntivo, e riusando qualcosa che ancora non ha finito di dare ciò che può dare? Quando posso, cerco sempre prima ciò che mi serve nei negozi di usato, o nei gruppi di scambio o di vendita su appositi siti o su Facebook, e preferisco comprare lì piuttosto che andare a cercare nel nuovo… mi sembra uno spreco inutile! Ho preso tantissimi vestiti usati, e anche giochi, oggetti come passeggini e bilance, sia nei negozi di usato che comprando da amici, e mi sono sempre trovata benissimo! Portafoglio contento e ambiente contento 🙂

Insomma, la maternità mi ha anche aiutato a capire quanto sia importante questo tipo di attività, e le mie bambine mi hanno fatto diventare ecosostenibile! 😉

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Ecologia e risparmio
4 commenti su “Negozi di usato e gruppi di scambio
  1. ANGELICA PLACENCIA ha detto:

    Sono molto contenta de questo articolo lo trovo molto interesante posso sapere come funziona grazie

  2. ValeVico ha detto:

    Anche a noi è successa la stessa cosa e siamo diventati clienti fissi di uno di questi negozi, sia come “venditori” che come “acquirenti”! 🙂 Inoltre abbiamo preso l’abitudine di frequentare spesso mercatini del riuso e del baratto che sempre più spesso fioriscono in giro, così racimoliamo scarpe, borse, giocattoli, libri, orecchini.., in cambio magari di una radiosveglia che non usiamo più o di un cuscino di cui siamo un po’ stufi o di un regalo che i bimbi hanno ricevuto e che proprio non è stato da loro gradito 🙂 Baci

    • Lucia ha detto:

      Hai ragione, trovare mercatini dove si possono fare scambi è ancora meglio, così si fanno girare oggetti che acquistano una nuova vita, senza spendere nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*