Vi presentiamo l’Homeschooling!

Oggi intervistiamo Cristiano che,  insieme con sua moglie Susanna, sta facendo HS per il figlio Ivan. Ecco domande e risposte!

1. Ci presenti la tua famiglia? Ciao siamo CRis, Susanna e Ivan
2. Da quanti anni fate HS? Questo è il terzo anno
3. Com’è nata l’idea di fare questa scelta? In reatà l’idea c’è da sempre, in pratica poi abbiamo iniziato quando Ivan doveva fare la 5 elementare, sull’onda di problemi di Ivan a relazionarsi in particolar modo con un’insegnante veramente poco flessibile. Ora di risciverlo in quinta, abbiamo presentato la nostra dichiarazione di inizio HS alla preside della scuola elementare e da lì con una serie di peripezie è iniziato il tutto
4. Avete trovato difficoltà ad entrare in questo mondo? Direi di no
5. Ci spieghi come funziona? Come organizzate le vostre giornate/settimane/mesi? Come preparate vostro figlio all’esame? Quali strumenti utilizzate? I periodi che siamo fermi e non viaggiamo, tra lavoro e lo sport di Ivan che ci porta a girare mezza Europa in pochi mesi, strutturiamo le giornate in modo da fare più cose possibili. Tendenzialmente la mattinata è dedicata allo studio, seguendo da un lato il programma, dall’altro seguendo intressi di Ivan e nostri, l pomeriggio i vari corsi dal nuoto alla batteria, la sera lettura e giochi, film.
La preparazione all’esame è sempre un’incognita in ogni caso stando sul generale e presentando tutto il programma svolto, solitamente sono accondiscendenti e alla fine si riesce ad affrontare l’esame senza troppi problemi.
6. E’ possibile fare HS anche con 2 figli di età diversa? Direi di si anche se la nostra esperienza diretta è solo con Ivan
7. Per fare HS cosa bisogna avere, sia in termini economici che di competenze? Bella domanda, sicuramente il nostro stile di vita, in alcuni casi molto spartano, orari di lavoro praticamente insesistenti, periodi che lavoriamo 10 – 12 ore, e lì diventiamo funamboli a gestire Ivan, e altri in cui il tutto è molto più rilassato e abbiamo tempo da dedicare. Coltiviamo un’orto che sicuramente aiuta molto il bilancio familiare
8. Come trovi gli esami di fine anno che deve affrontare tuo figlio? Standarizzati, chiaramente è difficile interfacciarsi con l’istituzione scolastica che fa finta che tu non esisti fino all’ora dell’esame.
9. Cosa risponderesti ai genitori che affermano che non mandando i figli a scuola (e all’asilo!) i bambini non possono socializzare? Direi che non è mai stato il caso di Ivan, ha amici sia nella scuola che fuori, poi viaggiando molto ha amici in  tutta Europa
10. Quali sono i maggiori pregi di questa scelta rispetto alla scuola pubblica, secondo te? E, se ci sono, quali i difetti? Il tempo dedicato a Ivan è importante, questo chiaramente non mette al riparo dai conflitti, che è inutile nascondersi, ci sono, i ruoli spesso sono difficili da mantenere, è una questione di filosofia di vita, alla fine in ogni strada che si sceglie di percorrere ci sono ostacoli che spesso sembrano insuperabili, poi il tempo, la perseveranza fanno che comunque alla meta si giunga.
Sicuramente con l’HS si possono coltivare al meglio interessi specifici del bambino, coltivare attitudini, in questo modo cercare di fare emergere una passione verso il fare, l’esprimersi, imparare a osservare, ascoltare.
La scuola tende ad appiattire molte cose, troppe a nostro avviso.
11. Sei soddisfatto di come sta crescendo tuo figlio? Si direi di sì, il lavoro è ancora lungo e quasi tutto in salita, ma ben venga!

Grazie mille Cristiano, e buona continuazione!

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Essere genitori, Le interviste Taggato con: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*