Ammalarsi in allattamento…

Quando si allatta, oltre ai soliti pregiudizi che ogni mamma si sente ricordare ogni giorno (il latte è poco nutriente, non basta, è un vizio, ecc…), c’è anche il fatto che “non ci si può curare”. Infatti in allattamento, così come in gravidanza, sembra che la mamma non possa permettersi di ammalarsi, o meglio di curarsi… Spesso ci si sente dire, anche da medici che dovrebbero conoscere questi argomenti, che per potersi curare bisogna smettere di allattare, e quante volte le mamme si sentono apostrofare con frasi tipo “Ma come, a 8 mesi ancora allatta? Ma non è ora di smettere?”. A parte il fatto che questa esclamazione meriterebbe una rispostaccia per il semplice fatto che sia stata pronunciata, e che nessuno dovrebbe mettere bocca in un affare privato come il rapporto di allattamento tra una mamma e un bambino, c’è un di più molto grave. Quasi come “punizione” per voler portare avanti un allattamento “inutile”, alla mamma che si deve curare viene detto che ciò non è possibile, e che quindi scelga: l’allattamento o la salute.

Ebbene, non è così. Tanti farmaci possono essere assunti anche in allattamento, e anche se nel bugiardino c’è sempre scritto che in gravidanza e allattamento non sono sicuri, un modo sicuro per sapere se possiamo prendere un medicinale c’è: chiamare il numero 800883300 del centro antiveleni dell’Istituto Mario Negri. Qui vi diranno se il principio attivo del medicinale che dovete assumere è sicuro o no, e vi daranno anche delle alternative innocue se quello non si può assumere.

Insomma, vale sempre la regola che meno medicine si prendono meglio è, ma se dobbiamo curarci veramente è bene sapere che non siamo costrette a scegliere tra allattamento e salute.

Gli specialisti tossicologi del Mario Negri rispondono 24 ore su 24 e richiedono il nome del principio attivo del farmaco, non quello commerciale. Per evitare di perdere tempo, occorre quindi controllare sulla confezione il nome corretto del principio attivo ed il dosaggio indicato dalla terapia.

Insomma, se ne avete bisogno non fatevi scrupoli a chiamare!

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Allattamento Taggato con: , , ,
6 commenti su “Ammalarsi in allattamento…
  1. Chiarina ha detto:

    io ho usato il servizio che citi x 2 volte…
    quando l’anno scorso a dicembre (Emma aveva 2 mesi) dovetti curare la bronchite e mi dissero ad esempio che alcuni dei farmaci prescritti dal mio medico non potevano essere assunti in allattamento e poi quest’anno a settembre quando decisi di curare la mia recidiva di candidosi con medicinali “tradizionali” x essere sicura di non prendere un farmaco che fosse dannoso durante l’allattamento.
    ho trovato persone cordialissime e che mi hanno risolto in un baleno un problema che a volte pare insormontabile se ti rivolgi alle persone sbagliate!

  2. Lucia ha detto:

    Grazie Chiara! Sì in effetti tutte le mamme che ho sentito parlare di questo servizio hanno detto tutte che le persone al telefono sono gentilissime!

  3. simona sforzin ha detto:

    Ho avuto x caso da un’amica il numero del centro e finalmente, dopo una settimana di sofferenze causate da una forte infezione alla gola, mi sono tranquillizzata grazie alla tempestiva risposta sui farmaci che mi erano stati prescritti e che sembrava non dovessi assolutamente prendere in allattamento.E’ veramente un delitto che i medici di base non siano informati su tale servizio,eviterebbero a molte mamme di vivere una semplice malattia passeggera come un dramma.

  4. Giulietta ha detto:

    Io mi sono (ovviamente) curata per 2 bruttissime mastiti per le quali ho dovuto prendere l’antibiotico. E recentemente per una brutta tosse.
    Sui bugiardini scrivono che i farmaci devono essere assunti solo sotto stretto controllo medico oppure ti scrivono di non assumerli. La motivazione è sopratutto legale perché se succede qualcosa le case farmaceutiche non possono dirti di non averti avvisata.
    Il medico curante però sa bene che i farmaci passano nel latte solo in piccolissima dose e si possono avere determinate accortezze (come assumere farmaci dopo la poppata).
    Anche per i dolori mestruali (che tanto speravo sparissero dopo il parto…) non prendo più fans ma del paracentamolo…altrimenti non riuscirei neanche ad alzare la mia bimba per cambiarle il pannolino…
    I nostri bambini hanno bisogno di mamme sane e in forma, quindi, meglio curarsi! Ovviamente senza esagerare e quando serve davvero!

  5. Daniela ha detto:

    siamo nel 2017 il numero è ancora valido?

Rispondi a Giulietta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*