Il tempo speciale delle mamme

Oggi ho poco tempo. La mia piccola ha deciso che dormire 5 minuti era sufficiente, quindi niente oretta al pc da sola… Ora stiamo controllando la posta e io cerco di mettere insieme un post prima del weekend, visto che avrò un po’ da fare… Mentre speravo che si riaddormentasse per un po’, nel letto con lei, mi sono messa a pensare al “tempo” delle mamme… La cosa che mi spaventa di più del diventare mamma per la seconda volta è che il mio tempo “libero” si ridurrà di molto, continuando a fare la mamma a tempo pieno almeno per qualche anno… Ora che avevo recuperato una fettina del mio tempo, per svagarmi e ricaricarmi a modo mio, ritornerò ad essere “fagocitata” dai miei bimbi… Non sarà facile, come non lo è mai, ma prima o poi rientrerò nell’ordine delle idee e troverò le mie strategie… Ora non posso programmare più di tanto perché chi lo sa come sarà il mio secondo piccolo, e come andranno le cose… Comunque le riflessioni che mi sono venute in mente oggi pomeriggio valgono comunque, per tutte le mamme con “almeno” un bambino…

Io trovo che il tempo delle mamme sia un tempo speciale, perché non è sempre facile riuscire ad organizzarlo nel modo migliore… Ho tante immagini nella testa, immagini del mio tempo di questi ultimi anni, scandito sempre dalla presenza della mia piccola, sia che fosse sveglia, sia che dormisse… Tutto è legato intorno a lei, alla mia vita da mamma, tanto che a volte mi viene difficile ricordare cosa facevo prima… Ma cosa facevo prima di TUTTO QUEL TEMPO? Da quando sono mamma ho imparato a lavarmi i denti, stirare, passare l’aspirapolvere e lavare i piatti con la bimba in fascia… Ho imparato a rispondere al  citofono e ad aprire la porta allattando, ho imparato a scrivere al pc con una mano sola e a controllare la posta mentre faccio sentire  canzoni alla piccola, e non devo distrarmi troppo perché non durano troppo! Ho imparato a pensare mentre dormo, a organizzare le giornate più difficili mentre faccio colazione e nel frattempo parlo e gioco con mia figlia… Insomma cose che tutte le mamme sanno fare, ma che prima di diventare genitore possono sembrare fantascienza!

Insomma, credo che da questo punto si torni indietro difficilmente, se non a costo di cambiamenti drastici ;-)… Io sono contenta di essere così, è faticoso ma almeno riesco a fare tante cose che altrimenti, se rimanessero da fare, mi procurerebbero frustrazione… Certo ci vogliono anche i momenti di tranquillità, se no non si va avanti molto, con questi ritmi! Però secondo me non tutte le persone che stanno intorno alle mamme riescono a rendersi conto della fatica di queste “performance” delle supermamme… Se sapessero come funziona veramente si spaventerebbero, ma senza pensarci le danno per scontate… e credono sia scontato avere una telefonata al giorno (quando tu, mamma, la fai mentre il tuo piccolo sbraita perché non gli presti attenzione), un pensiero in tempo per il compleanno (quando devi fare i salti mortali per ricordarlo, prima di tutto, e per avere il tempo e l’occasione di acquistarlo), una parola di conforto quando le cose vanno male (e quando tu, mamma che consola, stai ancora peggio per motivi tuoi!)… Insomma, credo che a volte le altre persone dovrebbero essere più grate alle mamme che hanno intorno, per il tempo che dedicano loro… perché è un tempo davvero prezioso!

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Essere genitori Taggato con: , , , ,
8 commenti su “Il tempo speciale delle mamme
  1. Gemma ha detto:

    Bello Lucia, mi piace molto questo tuo “articolo”.
    Ti va di copiarlo/linkarlo sul forum di VM?
    Grazie e un bacio!
    p.s.: vedrai che con 2 i tuoi poteri da supermamma si moltiplicheranno ancora 😀

  2. Lucia ha detto:

    Grazie Gemma! Ma cosa intendi per linkarlo sul forum? Mi dici in privato?
    Spero davvero che tu abbia ragione, e che i superpoteri si moltiplichino davvero! 😉

  3. Giovanna ha detto:

    Questo te lo condivido su FB, che visto che stasera mi sento un po’ giù, almeno mi sento meno incompresa.
    E comunque si, i superpoteri aumentano. Anche se poi diminuisce la resistenza alla cripotonite (leggi ‘basta un cedimento che la situazione ti sfugge di mano e tu crolli del tutto’). Però a volte capita di rasentare una sensazione di onnipotenza 😛

  4. Lucia ha detto:

    Se lo dici anche tu Giovanna, che di creature ne hai ben 3, mi rassicura! Speriamo in bene!

  5. mammabucolica ha detto:

    Come mi ci ritrovo nelle tue parole… ho sentito dire anch’io che incredibilmente il tempo sembra aumentare e le capacità gestionali perfezionare… in bocca al lupo, basta l’amore!
    Grazie per il post… vienici a trovare, del resto, sei stata tu la prima blogger a cui devo il mio cambiamento!
    🙂

  6. Lucia ha detto:

    Grazie a te cara! Adesso basta, dobbiamo davvero vederci! Mi sa che accetteremo il tuo invito molto presto!

  7. barbara ha detto:

    davvero un articolo sensibile, in cui mi identifico appieno! E confermo che anche con due cuccioli si fa, si fa, si fa eccome!! Imparando mille trucchi per non dimenticare nulla (ad es dare i rimedi omeopatici alla grande per la tosse allergica, allattando contemporaneamente il piccolo “ciucciatore professionista” come lo chiamo io.. ed altre mille avventure!). Anche io allatto nelle posizioni e nei momenti più strani, camminando, addormentando.. insomma anche io penso che ci vorrebbe molta comprensione per noi ed anche per i papà, soprattutto quando si alzano la notte con noi, ci aiutano a gestire due bimbi sotto i tre anni, cucinano, ascoltano.. come mio marito da quasi tre anni fa! E chi se ne importa se dimentichiamo cose che di fatto non sono fondamentali, ma facilmente comprensibili… un bacione

  8. Lucia ha detto:

    Grazie Barbara, allora i pareri positivi aumentano, forse anche io potrò contare sui miei superpoteri da mamma bis… senza dimenticare, come dici tu, l’aiuto fondamentale dei papà! Un abbraccio a te e ai tuoi piccoli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*