Allattare in tandem…

Per parlare dell’allattamento in tandem ho pensato di chiedere a una mamma che da qualche mese lo sta “praticando”… quale modo migliore per capire un po’ come funziona, i punti forti e quelli deboli? Allora sentiamo cosa ci dice Mina!

1. Ciao Mina, quanto hanno i tuoi piccoli? Hanno 27 mesi e mezzo Eva, 2 mesi e mezzo Leo.

2. Prima di rimanere incinta, cosa ne pensavi dell’allattamento in tandem? Prima di restare incinta di Leo non sapevo nemmeno che esistesse la possibilità di allattare in tandem. L’unica che sapevo lo facesse era una mamma di un forum che frequento. Mi sembrava una cosa bellissima , ma non avevo idea di quali retroscena avesse. L’idea in sé mi piaceva.

3. Durante la tua ultima gravidanza hai mai pensato di interrompere l’allattamento di E.? Come è andata la gravidanza? Parenti, medici e amici ti hanno fatto pressione perché tu smettessi di allattare? E tu come hai vissuto quel periodo? Durante la gravidanza ho avuto un cedimento all’inizio quando ancora non sapevo di essere incinta, fu a causa della stanchezza e del malessere che avevo che pensai di abbandonare l’allattamento con la scusa dell’antibiotico che presi pensando di avere un’infezione (che poi si rivelò essere il pupo). Ma grazie a mio marito, alle mie amiche del forum e al mio senso di colpa nel vedere Eva così turbata da quel distacco improvviso ritornai sui miei passi. Durante la gravidanza però un po di fastidio lo avevo, Eva voleva trovare tutto pieno come al solito, ma secondo me dopo un paio di mesi si è ridotto di tanto il latte e ha cambiato sapore, non sembrava apprezzarlo tanto, ma la prendeva lo stesso e anche a lungo tanto da farmi male a volte per il troppo succhiare. E per quanto riguarda i pareri degli altri devo confessare che alla prima esclamazione di sorpresa che sentivo quando dicevo che allattavo ancora mi partiva in automatico la faccia di bronzo e dicevo a tutti che fino a quel momento non avevo trovato nessuna prova che facesse male e se per Eva era importante mantenere questo contatto con me, io non avevo alcuna intenzione di negarglielo! E se parlavano del dopo io rispondevo: “e dopo ci si pensa!!”. So che sono un pò matta, ma a me non fanno né caldo né freddo le critiche degli altri! :mrgreen: se mi va di fare una cosa che penso sia giusta non mi fermi nemmeno legandomi!! Comunque le critiche ci sono state! Ma dai parenti più che dai medici, loro erano sgomenti, ma non hanno fiatato.

4. Com’è andata quando è nato L.? Leo è stato lontano 1 mese e non ho potuto allattarlo tutto il giorno quindi per farmi venire la montata ho dato a Eva la tetta circa 3 o 4 volte al giorno e lei è impazzita di gioia! Tiravo via il latte per Leo quando era piena, e poi la davo a Eva per stimolare la produzione. Sono riuscita a mettere via anche 200gr in una volta, ma non è durata, Eva non succhia come un neonato e io ero troppo stressata per stimolare il latte a dovere. Però qualcosa c’era e quando Leo è tornato a casa in una settimana ho eliminato l’aggiunta di 50 gr la sera (giusto per riempirlo bene e farlo dormire qualche ora). Ma Eva allora è diventata gelosissima.

5. E ora che L. ha 2 mesi e mezzo, come procede? Ora procede bene, mi sono trovata in difficoltà all’inizio a causa della gelosia di Eva che pretendeva di avermi ogni volta che mi vedeva con il fratello in braccio, o peggio se davo la tetta a lui. Ora ci siamo stabilizzati, la tetta è tutta di Leo ogni volta che vuole, per Eva invece abbiamo stabilito dei limiti. La può avere per addormentarsi il pomeriggio e la sera, e se è stanca o vuole le coccole sporadicamente, ma a condizione che il fratello abbia già mangiato e stia dormendo o è tranquillo. La notte è stata un po più dura, a volte si svegliavano contemporaneamente e mi sono presa un bel numero di ceffoni da una duenne arrabbiata e frustrata. Ha ripreso a dormire tutta notte solo da qualche giorno, e non sempre. Una volta minimo si sveglia e viene nel letto con me o la addormento io nel suo se il fratello dorme tranquillo. Diciamo che solo dopo 2 mesi posso dire di dormire il minimo indispensabile.

6. Quali sono secondo te le maggiori difficoltà a cui potrebbe andare incontro una mamma che decide di allattare in tandem? Beh la difficoltà è solo una: coordinare le poppate. Soprattutto la notte. Eva si sveglia spessissimo da quando è nato il fratello, si alza presto e non si riaddormenta più fino a mezzogiorno. Poi mangia quando si alza, e prima di tutto vuole la tetta come coccola da risveglio e se per caso sono impegnata col fratello si incavola e piagnucola tutto il tempo fino a che non l’accontento. Stanotte è stata un po’ duretta perché Eva ha dormito in macchina alle 11, e alle 19 mi si è addormentata di colpo, quindi alle 20,30 si è svegliata e speravo si riaddormentasse, invece ha fatto notte fonda e intanto il fratello si è risvegliato per la poppa della notte proprio quando lei stava crollando e mio marito era un po’ astioso e non ha avuto pazienza di tenermelo, quindi mi sono messa a letto con Leo e Eva e per fortuna era abbastanza stanca da addormentarsi senza starmi addosso. Ma è durata poco, alle 5 si è svegliata urlando e da allora non si è più riaddormentata e poi si è risvegliato Leo e di nuovo mi sono dovuto barcamenare tra tutti e 2 che piangevano e volevano la stessa cosa: la tettaaa!!! Fortuna che ne ho 2……sono stata mezz’ora con uno per parte ma Eva non si è più assopita prima delle 10. E Leo una volta alzati non dorme più se non in braccio e per appena 10 minuti per volta. Questa è la mia nottata solita, praticamente in media dormo 3 o 4 ore. Per ora è così, ma a volte si riesce a dormire di più, dipende da Eva soprattutto. Se mantengo gli orari va molto meglio, ma se si addormenta prima o dopo son dolori.

7. Quali sono le motivazioni per cui secondo te è un’esperienza da vivere? Ecco io non lo so chi me lo fa fare a passare le nottate così… so solo che il mio istinto mi dice che Eva è molto affamata di affetto e se le togliessi questa coccola le farei un danno, quindi lo faccio soprattutto per lei, finché ne avrà bisogno. La situazione è soggettiva, ogni mamma deve avere le sue motivazioni, e avere la forza di portare avanti l’allattamento.

8. Come pensi che andrà avanti il tuo allattamento doppio? Chi smetterà prima? ;-) Booh!! Non ho idea come andrà, e non posso fare previsioni.
Prima o poi Eva crescerà e spero che mi dica un giorno che non ha più bisogno della tetta di mamma.

9. Sei soddisfatta di come stanno andando le cose? Se tornassi indietro cambieresti qualcosa? Sono soddisfatta di riuscire a gestire giorno dopo giorno i miei due pestiferi ciucciatori, e non so nemmeno cosa cambiare… Magari il carattere dei miei figli?? Eva non ha pazienza di aspettare, Leonardo invece mangia come un uccellino, poco e spesso. Quindi di giorno non ha orari per dormire, e soprattutto non dorme nel lettino. Solo in braccio o in fascia. Quindi è sempre in braccio e Eva si ingelosisce e mi tormenta per la tetta solo per avermi un po’ tutta per lei. Ma questa cosa non la posso cambiare, no!!? Quindi vado avanti e cerco di dare ai miei figli tutta me stessa per farli crescere sereni.

Grazie mille Mina per le tue parole, e in bocca al lupo per il tuo allattamento in tandem!

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Allattamento, Le interviste Taggato con: , , , , , , , , , ,
13 commenti su “Allattare in tandem…
  1. lia scrive:

    Come ti capisco!!!! anch’io allatto in tandem Federico di 24 mesi ed Elisa di 6 mesi. Anche per me è dura quando piangono in contemporanea, allora cerco di non farmi prendere dal panico, mi calmo e mi metto comoda in modo da poterli attaccare in contemporanea.
    Comunque è bello vederli insieme che si accarezzano mentre ciucciano!

  2. Lucia scrive:

    Che bello quando leggo di queste fantastiche mamme! Non deve essere facile (chissà se proverò anch’io? :roll:) ma io vi ammiro perché fate soltanto quello di cui hanno bisogno i vostri piccoli, anche se a volte la fatica raddoppia! E penso che, come in tutte le imprese più faticose, vedrete sicuramente i frutti, non solo subito ma anche più in là!

  3. Micaela scrive:

    Ciao,
    anch’io ho allattato in tandem quando è nato il mio piccolo la grande aveva 18 mesi e non aveva mai lasciato la tetta. Appena nato lui, lei ha smesso di mangiare se non al nido, quando c’ero io solo tetta e assolutamente in contemporanea con il fratello.
    Dopo 6 mesi con lei abbiamo cercato di tagliare un pò con la scusa di male al capezzolo, che poi era pure vero.
    Sono contenta dell’esperienza e secondo me è servito per unilri e non fare pesare troppo alla grande l’arrivo del piccolo.

  4. Lucia scrive:

    Sì, anche secondo me il tandem può servire per fare superare meglio al fratello grande la gelosia per l’arrivo del piccolo… E credo che ne valga la pena, certo la mamma non deve esaurirsi, e il grande può adeguarsi a nuovi ritmi quando arriva il piccolo, anche se a volte può non essere facile fargli accettare la cosa… Però secondo me lo sentono anche loro quando la mamma non ce la fa, ci si può parlare e prima o poi la soluzione giusta si trova!

  5. mina scrive:

    rieccomi dopo mesi , Leo è ancora saldamente ancorato alla tetta e siamo a quota 20 mesi .
    eva ha staccato poco dopo i 4 mesi di Leo perché ho avuto un’infezione prima a un seno poi all’altro e ho dovuto allattare con un solo seno per quasi 1 mese e dato che LEo è intollerante al latte A non ne avevo abbastanza per accontentare entrambi , quindi ho dovuto allontanare eva per non deperire , dati gli antibiotici e l’infezione .
    non l’ha presa benissimo , ma si è rassegnata alla necessità , ora ogni tanto le permetto una ciucciatina breve , di solito quando allatto il fratellino viene a chiedermi la tetta .
    ma non è frequente .
    la gelosia c’è ancora ma adesso che sono più grandi sono una delizia quando si coccolano e si abbracciano , un po meno quando si buttano entrambi addosso e si menano cercando di allontanare l’altro …
    ma questo è normale !
    allattare in tandem è stata un’esperienza importante perché ho avuto la possibilità di accudire e coccolare anche la più grande nel nostro modo speciale .
    a chi volesse intraprendere questa strada consiglio di essere solo paziente e consapevole che esigenze diverse sono normali per i piccoli e che con un po di pratica si riesce ad’accontentarli tutti e due senza troppo faticare .
    si può fare !

    • Lucia scrive:

      Grazie Mina per averci aggiornati! Sì hai ragione su tutto, ci vuole pazienza e consapevolezza, perché il tandem può essere faticoso ma può dare anche tanto, e poi la vita da mamma è comunque faticosa, no? Un abbraccio!

  6. alessia scrive:

    Ho letto con piacere le vostre esperienze…e nn mi sono sentita sola…ho un meraviglioso bimbo di 19mesi che prende ancora il seno la sera prima di dormire,a volte la notte quando si sveglia e la mattina. Sono alla 28ma settimana di gravidanza e se tutto va bene per i primi di ottobre arriva un altro pupetto. Pensavo che Alessandro si staccasse durante la gravidanza ma per ora resta saldamente attaccato alla sisa…ammetto che a volte la stanchezza, i suoi dentini o il suo forte bisogno di contatto con me mi fa essere nervosa…quasi mi infastidisce..e lo sgrido malamente…poi mi sento in colpa e mi dico dai su..porta pazienza e vado avanti. Al momento nn me la sento proprio di togliere il seno e mi dico…vedremo più avanti! certo mi domando…ma se nn si s stacca…quando sarò ricoverata x il parto come la vivrà

  7. alessia scrive:

    Ops mi è partito il messaggio! Mi domandavo come vivrà il distacco mentre sarò ricoverata? il piccolo in arrivo troverà un latte più povero se continuo ancora ad allattare? Dubbi e ansie…spero solo vada tutto x il meglio! Durante i primi.mesi il gine mi disse di smettere…ho fatto anche l’amniocentesi e la dottoressa mi disse che dovevo smettere x nn rischiare l’aborto…non ho mollato…magari sarò stata incosciente ma alla fine eccomi qui…e a questi punto sto seriamente pensando che se nn lascia lui io vado avanti così…

  8. alessia scrive:

    Sempre io…sono col cellulare e sto facendo un casino…mi sono accorta che il t9 ha modificato la mia mail quindi mando questo nuovo messaggio con l’indirizzo corretto… @tin.it scusami sono mortificata un saluto

  9. Lucia scrive:

    Cara Alessia, benvenuta! Come hai letto si può benissimo allattar in gravidanza e anche in tandem, i ginecologi si allarmano subito perché conoscono la patologia e vedono un pericolo in qualsiasi cosa! Come hai visto tu stessa, non è accaduto nulla di pericoloso… Secondo me hai fatto bene a seguire il tuo istinto e i desideri del tuo bambino, se nessuno di voi due è pronto perché interrompere? Il tuo bambino è ancora piccolo, e ha tanto bisogno di ciucciare, quindi se ce la fai ad andare avanti potrà beneficiare ancora un po’ di questa coccola, e gli farà bene! Lo aiuterà anche a superare il cambiamento dell’arrivo del fratellino, ma naturalmente la precedenza andrà al nuovo nato… Può darsi che appena arriverai a casa il tuo grande ti chiederà più spesso di ciucciare, anche se ora fa poche poppate… Con l’arrivo del latte, dopo mesi di “magra”, secondo me cercherà di fare il pieno! Quindi non ti stupire se chiederà di più… La mia era più grande ma secondo me anche tu puoi trovare un compromesso per accontentarlo senza diventare matta allattando a tutte le ore, già il piccolo dovrà essere attaccato spesso, quindi fai attenzione anche al tuo benessere e non solo a quello dei tuoi piccoli! Bevi tanto, riposa quando puoi e delega il delegabile ad altri… Per quanto riguarda il latte, se allatti a richiesta il piccolo e ogni tanto anche il grande, il latte ci sarà sempre e sarà quello giusto, pensa alle mamme che allattano due gemelli! Se allatti due bambini, il latte ci sarà per due… Se mai cerca di dare la precedenza al piccolo, che deve regolare la produzione, e dopo attacca anche il grande secondo le modalità che sceglierai… E per il distacco dato dal ricovero, ricorda che se il parto va bene puoi anche chiedere le dimissioni precoci, a me preoccuperebbe non tanto il distacco per l’allattamento in sé quanto per la separazione da lui… Ma sono sicura che il tuo piccolo saprà adattarsi per pochi giorni… Insomma, in bocca al lupo! Per qualsiasi cosa siamo qui!

  10. Alessia scrive:

    Grazie Lucia!!!
    Non sapevo delle dimissioni precoci…quando fu per Alessandro ci fecero restare un giorno in più in clinica perchè il piccolo aveva ittero e i valori non si abbassavano. Beh io già trovo duro il distacco quando sono in ufficio non oso pensare chiusa in ospedale lontano da lui!
    Per ora continuo anche perchè pensavo…magari mi metto li a togliere il seno…con conseguente ‘stress emotivo’ per il topolino…poi arriva il fratellino e mi vede dargli il seno…magari si fa prendere da qualche crisi affettiva e lo rivuole come faccio a dirgli di no?!? quindi continuo così…e mi preparo ad un allattamento in tandem ;)
    Speriamo vada tutto per il meglio!!!
    Ti farò sapere! Grazie ancora <3

  11. Lucia scrive:

    Credo che non ci sia bisogno di dire altro, solo un grande in bocca al lupo, e aspettiamo news! Anche se è presto per il parto… Ma comunque noi aspettiamo pazienti! :)

  12. Alessia scrive:

    CREPI!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi gli articoli via e-mail