Il delicato periodo del puerperio

Il puerperio è quel periodo di tempo che inizia con la nascita del vostro piccolo, e finisce… beh, questo è più difficile da dire! Qualcuno ha detto che la gravidanza dura 9 mesi, e il puerperio dura tutta la vita! Io credo che ci sia un fondo di verità in questo, comunque diciamo che di solito il puerperio riguarda le prime sei settimane di vita del bambino, insomma i famosi primi 40 giorni.

Dal punto di vista ormonale, possiamo dire che con l’eliminazione della placenta, e quindi nel giro di 24 ore dal parto, gli estrogeni e il progesterone, prodotti in grande quantità durante le ultime settimane di gravidanza, calano drasticamente. Questo porta spesso alla sensazione di tristezza e di “stranezza” che si prova nei primi giorni, anche se non ci sono motivi evidenti che possano portare a ciò: il parto è andato bene, l’allattamento non presenta particolari problemi, il bambino e la mamma stanno bene. E’ interessante notare come l’arrivo del latte, intorno al terzo giorno (prima il seno produce il preziosissimo colostro), sia collegato alla sensazione di tristezza (baby blues); esiste infatti anche il detto che “dare libero sfogo alle lacrime favorisca l’afflusso del latte”. Spesso, con l’arrivo della montata lattea, la mamma sente arrivare una grande potenza, una forza che la fa sentire in grado di prendersi cura di sé e del nuovo bambino, oltre che dell’intera famiglia. E’ importante, però, sapere che se in questo periodo non si rispetta il bisogno del corpo di un grande riposo, possono insorgere dei problemi come ingorghi mammari, prolassi uterini, infezioni, … Nella nostra società, alcune settimane dopo il parto le mamme si sentono “in difetto” se non sono ancora tornate come prima, se ancora non ce la fanno a mandare avanti la casa da sole, se sono “ancora” stanche. Non dimentichiamoci che in molte altre società, per le prime 6 settimane dopo il parto, le madri possono solo occuparsi delle cure del bambino e del suo nutrimento, mentre altre persone pensano a tutto il resto. Fisicamente, è proprio questo l’intervallo di tempo che impiega l’utero a tornare alla forma, la misura e la posizione  di prima della gravidanza.

Emotivamente, le prime settimane di vita del vostro bambino sono così ricche e variegate che è difficile riuscire a descriverle. Ci saranno momenti di intensa tristezza e di stanchezza, altri in cui la gioia di avere vicino il vostro bambino sarà tanta che vi sembrerà di non poter desiderare altro dalla vita. L’elemento comune sarà il provare emozioni molto forti, quasi esagerati a volte, ma voi saprete che questo momento nella vita di una donna è davvero speciale, e potrete provare tenerezza nei vostri confronti… Insomma, diventare mamma non è una cosa da niente, ci stanno anche sentimenti molto forti e a volte un po’ pazzerelli! Probabilmente avrete voglia di ripensare al parto, a tutto ciò che è accaduto, al vostro ingresso nel mondo delle madri, e vi farà bene parlarne con la vostra ostetrica o con qualche amica che sappia ascoltare.

Da quando abbracciate per la prima volta il vostro bambino, se darete ascolto alla parte più spontanea di voi, potrete contare sulla saggezza a cui le mamme si affidano da sempre, il vostro istinto. Esso vi guiderà in ogni momento, sarà presente in ogni vostra cellula, e saprà aiutarvi nei momenti di difficoltà, così come nella vita di tutti i giorni con il vostro piccolo. Così come il vostro corpo sa partorire, il vostro istinto sa occuparsi perfettamente della vostra creatura, fidatevi più di lui che delle voci di nonne, zie e pediatri!

Più che mai, in questo primo periodo avete bisogno di calma e tranquillità, e di trascorrere del tempo con il vostro bambino. Spesso si usa andare a trovare la neo-mamma portando omaggi al nuovo nato, ma se potete cercate di limitare le visite in quantità e durata, posticipandole alle settimane successive. Se date ascolto al vostro corpo, vi renderete conto che queste visite vi stancano molto, vi prendono energie che dovreste rivolgere solo alla cura del vostro bambino, e vi distraggono da lui. Dopo essere stati uniti per 9 mesi, lui ha ancora bisogno della vostra completa attenzione, delle vostre braccia e del vostro pensiero, in modo totale, e anche voi ne avete necessità. Piuttosto che ricevere visite, potete rimanere nella vostra stanza a riposare, mentre gli ospiti con cui siete più in confidenza vi possono onorare portando dei doni speciali: pulire il bagno, cucinare qualcosa, stirare o fare qualche lavatrice. Questi sì che sono regali magnifici per una neo-mamma! Se potete, chiedete a qualcuno di “filtrare” le visite, limitandole a quelle che veramente vi fanno piacere e che non vi stancano, ma rimandate le altre. Vedrete che gli ospiti capiranno! Le neo-mamme, come le donne in gravidanza, sono sempre scusate. E anche se non fosse, non è un vostro problema!

Se non avete parenti disponibili, fatevi aiutare da amiche che possano rendersi veramente utili, o se non potete contare nemmeno su di loro, affidatevi ad una doula: le doule sono delle donne che si occupano delle madri e delle loro famiglie, nel periodo tra la gravidanza e il puerperio. Anche in Italia sono sorte delle scuole che preparano le donne a questa bellissima professione, cercando bene forse ne troverete qualcuna nella vostra zona. (http://www.mondo-doula.it/)

Insomma, questo importante primo periodo di conoscenza col bambino può essere vissuto nel modo migliore possibile, se riuscirete a delegare agli altri quasi tutto ciò che esula dalla cura del bambino, e se riuscirete a dedicarvi totalmente a lui, tranne quando avete bisogno di dedicarvi a voi stesse e al vostro corpo. Fate le cose con calma, chiedete aiuto, pensate che questo periodo è fondamentale per conoscere il bambino che avete avuto dentro per 9 mesi, per avviare bene l’allattamento, per riprendervi perfettamente dalle fatiche della gravidanza e del parto. Se nelle prime settimane riuscirete a riposarvi abbastanza, potrete affrontare con maggiore energia la vita dei mesi successivi con i vostri piccoli, che diventeranno sempre più impegnativi!

Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Essere genitori, Parto Taggato con: , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*