Dedicato ai papà

Voglio dedicare questo post ai papà… a quei papà che presto o tardi conoscono il desiderio di paternità, lo ascoltano, lo assecondano, e decidono così di iniziare un’avventura meravigliosa insieme alle loro compagne… A quei papà che vivono la gravidanza della propria compagna come un dono, come un momento speciale di crescita, di conoscenza sia della nuova vita che sta crescendo, sia di chi la sta portando in grembo, e non si fanno spaventare dai mille cambiamenti che avvengono nella coppia, ma che sono solo una preparazione per i cambiamenti ancora più grandi che avverranno dopo… A quei papà che studiano, si interrogano, leggono e ascoltano, mentre stanno per diventare padri, per riuscire a rimanere accanto alle loro compagne nel migliore dei modi, sia durante la gravidanza che durante il parto e poi dopo, una volta nato il bambino… A quei papà che si fidano delle loro compagne, dei loro desideri, del loro sentire, e che anzi a volte le incoraggiano a mettersi in contatto con la creatura che portano nella loro pancia, per darsi delle risposte alle 1000 domande che in questo periodo speciale si affacciano alla mente… A quei papà che fanno di tutto per poter realizzare le fantasie e i desideri della loro compagna riguardo alla nascita, desideri e scenari che a volte le donne si portano dietro fin da bambine, o che sorgono soltanto una volta che sentono di ospitare un bambino nel loro ventre… desideri che possono essere strani, particolari, controcorrente, ma che hanno di buono il fatto di essere dalla parte delle donne e anche dei papà… A quei papà che rimangono accanto alla madre del proprio figlio che sta nascendo, superando paure, timori e preoccupazioni, dandole sostegno e amore e convincendola così di essere in grado di dare alla luce la propria creatura, senza il bisogno dell’aiuto di altri o di interferenze… A quei papà che dopo la nascita ringraziano la propria compagna per l’evento incredibile a cui hanno assistito, la nascita del loro bambino, un miracolo che si ripete ogni giorno e che sarebbe molto più facile se lasciato in mano alle donne… A quei papà che stanno accanto alle loro donne, ora madri, sostenendole nei primi difficili momenti, nell’incontro col bambino, nei primi attimi di conoscenza, e che partecipano a questi momenti con amore e gioia… A quei papà che sono felici di vedere le loro compagne allattare al seno i propri bambini, consci che sia la cosa più bella e naturale per ogni coppia madre bambino, una fase della vita che ha un inizio e una fine e che può dare molto ad ogni membro della famiglia… A quei papà che fanno sentire belle le loro donne, anche se loro non ne sembrano convinte, quando si sentono invece stanche, vecchie e bruttissime, ma che gioiscono nel cuore a sentire l’amore del proprio compagno che ancora resiste al tempo e agli eventi di vita più faticosi… A quei papà che condividono il loro letto con i propri piccoli, e che non escono più a cena da soli con le loro compagne, senza aver paura che la loro vita “di coppia” subisca un arresto o un duro colpo… A quei papà che fanno il bagnetto ai loro cuccioli, e giocano con loro la sera, cantando 1000 volte la stessa canzoncina perché piace tanto ai loro piccoli, per recuperare il tempo in cui di giorno non sono stati presenti… e che lo fanno con gioia e col sorriso sulle labbra anche se cascano dal sonno… A quei papà che nonostante la fatica desiderano altri bambini, perché considerano un grande dono avere una grande famiglia, e la realizzazione di un sogno: una casa piena di amore e di tanti bambini…

Sì, non è facile trovare dei papà così. Io per fortuna l’ho trovato, è il mio preziosissimo compagno di vita, il papà della mia piccola Vera.

Grazie, papà, per amarci così tanto!


Ti è piaciuto questo articolo? Condivilo!
Pubblicato in Essere genitori, Notizie e pensieri Taggato con:
Un commento su “Dedicato ai papà
  1. Barbara ha detto:

    Complimenti..
    Per una dichiarazione bellissima, che mi sento assolutamente di condividere.. per il papà, che sa rimanere compagno di viaggio della”mamma”, che cresce insieme a lei nell’avventura più importante e meravigliosa, quanto complicata.. la famiglia vissuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*